Fare FRAMING: quando il contesto è importante

Sto leggendo un simpatico testo di R. Sutton, il Metodo Antistronzi. Più avanti, una volta terminata la lettura, posterò come di consueto le mie considerazioni in merito, ma per ora mi ha molto colpito un concetto: quello del fare FRAMING. Nelle scienze sociali questo termine ha a che fare con i filtri che riguardano le nostre percezioni. Gli occhiali che ci mettiamo, o qualcuno ci fa indossare, che inevitabilmente filtrano gli stimoli che arrivano fino al nostro ‘pannello comandi’. Il concetto del FRAME tuttavia (che tradotto significa CORNICE, STRUTTURA, OSSATURA) può far capo al concetto di articolazione figura-sfondo della Psicologia della Gestalt.

Gli stimoli che vengono elaborati, vengono scremati da un calderone pieno di stimoli che in ogni momento possono colpire i nostri sensi e che se non ‘filtrati’ in qualche modo, rischierebbero di saturare, mandare in overflow, la nostra ‘centralina’.  Ovviamente il mio sistema di filtraggio è differente dal tuo: dipende dalle mie esperienze, dal mio vissuto, dalla mia sensibilità, e da una miriade di altri fattori. Qualcosa che a me colpisce ad altri può non arrivare nemmeno e viceversa.

Nel testo di cui vi parlo il fare FRAMING viene inteso invece come

tenere conto della cornice, del contesto, dell’ossatura

In questo caso la nostra, ovviamente. Davanti ad eventi stressanti, o condizioni transitorie di malessere (l’esempio del libro è quello di un lavoro insoddisfacente che si fa di malavoglia in attesa di trovarne uno migliore) può essere utile ricordarsi di tenere in considerazione il frame.  Il lavoro che fate non sarà quello per sempre, così come il partner che non vi fa più felice o la presenza nella vostra vita di persone negative (certo, se nel frattempo state agendo per cambiare le condizioni che vi creano malessere).

Ricordare quello che sei, i tuoi valori, le cose in cui credi e perchè no, dare anche una occhiatina al tuo passato, agli obiettivi raggiunti, alle battaglie dalle quali sei uscito vincente, E’ FARE FRAMING.

Davanti una situazione che genera malessere a volte mi capita di “vedere tutto nero” e trascinare in questa visione negativa tutto il buono che magari è invece nascosto tra le pieghe di quella situazione, o per lo meno il buono che c’è stato. Fare Framing mi ricorda che quella situazione è soltanto temporanea, che non inficia nulla del buono che comunque c’è stato e ci sarà e non compromette nulla di quello in cui credo, che voglio, che mi rappresenta.

La condizione essenziale affinchè fare framing ‘funzioni’ è come dicevo, quella che io stia in quel frangente già facendo qualcosa di operativo per allontanarmi dalla situazione di malessere. Fare framing  mentre giorno dopo giorno mi reco a svolgere un lavoro che non mi piace e non sto facendo nulla per cambiare (consegnare curriculum, fare corsi di aggiornamento, parlare con persone che potrebbero aiutarmi a trovare una nuova occupazione) non è assolutamente produttivo, e onestamente diventa anche piuttosto difficile.

E tu? Ti è capitato di fare framing di fronte ad una situazione di malessere? Come hai poi risolto quella situazione?

Buona [calda] serata estiva !!