Archivi categoria: Comunicazione

Cercare e cambiare lavoro nel nuovo mercato in cambiamento

Cercare e cambiare lavoro nel nuovo mercato in cambiamento è possibile?

L’incertezza del mercato del lavoro, già sufficientemente evidente e resa ancora più aspra dalla pandemia ci impone uno sforzo di apertura al cambiamento. Le solide certezze dei bei tempi andati sono soltanto ricordi, così come tante altre opportunità si sono spalancate (pensiamo solo allo smart working e a come il lavoro da casa abbia finalmente messo radici).  Per poter cogliere le nuove possibilità e leggere correttamente il mercato, trovando o creando gli spazi per esprimere la propria professionalità, esistono strumenti molto utili, che appartengono, e non a caso, al mondo ‘social’.

Sto parlando evidentemente di LinkedIn, una piattaforma che qualcuno assimila a Facebook ma la cui rete di contatti è finalizzata a promuovere, divulgare, coltivare conoscenze e opportunità in ambito lavorativo.

E’ infatti evidente che visibilità e rete di contatti sono le due parole chiavi del mercato del lavoro odierno: questi elementi possono essere essenziali per TROVARE e CAMBIARE lavoro, ma anche per implementare un proprio progetto imprenditoriale, fare crowdfounding, lavorare sul portfolio clienti.

Ma come tutti i social anche LinkedIn ha le sue regole, così come realizzare uno strumento comunicativo efficace (che sia il curriculum vitae, una lettera di presentazione o un display di progetto) può davvero fare la differenza e offrirti un VANTAGGIO COMPETITIVO per sfondare.  Se vuoi approfondire il tema della comunicazione efficace vai qui –> http://stefaniacosticounselor.it/2019/02/18/comunic-azione-smettila-di-stare-in-panchina/

Un percorso di Career Coaching (letteralmente “Consulenza di carriera”) può fare al caso tuo. Per cercare e cambiare lavoro nel nuovo mercato in cambiamento non  è impossibile. Può aiutarti ad essere più COMPETITIVO una consulenza personalizzata che parte da un bilancio delle tue competenze, con revisione dei tuoi strumenti comunicativi (come cv o lettere di presentazione) e ottimizzazione del profilo LinkedIn sulla base degli obiettivi che si vogliono raggiungere. Chiedi subito più info.

Cercare e cambiare lavoro nel nuovo mercato in cambiamento
Consulenza di career coaching

Coaching relazionale: è possibile avere relazioni felici?

Trovare un partner e riuscire a comunicare, intraprendere una relazione di coppia gratificante, vivere relazioni felici è possibile?

Relazione sentimentale

Coaching relazionale: è possibile avere relazioni felici? La comunicazione al servizio della relazione.

Sempre più spesso le persone che incontro mi chiedono, ma è possibile avere relazioni felici? Se sono aumentate esponenzialmente le difficoltà comunicative tra partner, i divorzi, i distacchi difficili, i conflitti.

E’ anche vero che si sono diradate le occasioni di confronto, il tempo per passare qualche ora in compagnia di una amica o amico è sempre meno . Anche condurre una vita sociale è diventato più difficile,  visto che in tempi di ristrettezze economiche ciò che si taglia sono spesso l’aperitivo con gli amici o le gite in compagnia.

La mancanza di occasioni sociali, perchè si è troppo presi con il lavoro, ad esempio, spiega il diffondersi di chat di incontri come Tinder, dove però vediamo riproporsi gli stessi scambi relazionali fallimentari cui assistiamo quando le persone si trovano vìs a vìs.

L’uomo è un animale sociale, inutile girarci intorno, e spesso è proprio il bisogno di contatto umano, di scambio, la necessità fisiologica di allenare il muscolo della nostra parte relazionale che ci porta a scrivere su facebook, o a creare un profilo in una chat. E a quel punto? Una volta che ci siamo esposti, messi in gioco, abbiamo superato le nostre insicurezze e titubanze e ci siamo buttati nel mondo dei contatti in digitale?

Che si tratti di un contatto di persona o oltre uno schermo lcd la comunicazione è uno dei fondamenti delle relazioni nutrienti e un mezzo essenziale per arrivare all’altro. Imparare a comunicare, imparare a relazionarsi, che non significa altro che affrontare i nostri punti di fragilità e far uscire allo scoperto tutte le nostre potenzialità, è una abilità che può essere sviluppata ed allenata, come ogni altra competenza.

Un coach può aiutarti a potenziare le tue competenze comunicative per vivere meglio la tua relazione con il partner e non solo.

Se vuoi iniziare ad allenare il muscolo della comunicazione contattami.  Potrebbe interessarti anche questo articolo.

Ti auguro di iniziare subito a coltivare relazioni felici.

SC

 

 

Comunic-azione: smettila di stare in panchina

Comunicazione è prendersi il proprio 50% di responsabilità, che significa metterci la faccia e la pancia, ma significa anche non lasciare decidere agli altri, non farsi mettere in panchina.

imparare a comunicare con responsabilità

Comunic-azione! Smettila di stare in panchinaMi piace pensare alla parola comunicazione come formata da tre porzioni: complementarietà, unicità e azione. Complementarietà perchè comunicare significa entrare in relazione. Non posso comunicare davvero se non possiedo la volontà di fare un passo verso l’altro, con il presupposto che dall’incontro, anche qualora non si trovasse un accordo, potrò soltanto uscirne arricchita di nuove prospettive, di nuovi scenari, che potranno essere complementari ai miei. Unicità perchè la comunicazione veicola necessariamente la mia prospettiva, fatta di valori, credenze, esperienze e peculiarità. Occorre coraggio e grande onestà per comunicare davvero. Comunicare è una scelta che ci impone di ‘scoprirci’ nei confronti dell’altro e più spesso di quanto si crede ‘scoprire’ di sè attraverso la relazione. E’ una scelta perchè posso decidere che la relazione non ne valga la pena, se ad esempio avverto dall’altra parte un’atteggiamento manipolatorio o dominante. Tuttavia se ne vale la pena comporta un certo sforzo.

Agire nella comunicazione è prendersi la responsabilità, il 50% di responsabilità, rispetto al messaggio che sto veicolando e ai mezzi che sto utilizzando.

 Lanciare fulmini dagli occhi, cambiare espressione inconsapevolmente quando qualcuno ci fa arrabbiare, mordersi un labbro o assumere una postura chiusa davanti ad un attacco verbale, sono tutti indicatori che comunicano i nostri stati d’animo e le nostre emozioni, che sia ciò che vogliamo oppure no.

Tutto comunica, non si può non comunicare.

Possiamo smettere di ingoiare rospi ed iniziare ad esprimere i nostri bisogni, a formulare le nostre richieste in modo costruttivo e propositivo, oppure possiamo continuare a nasconderci dietro un dito, sperando di dissimulare il nostro malcontento e riempiendoci di frustrazione sino a scoppiare.

A te la scelta.

Vuoi imparare a comunicare in modo proattivo? Sei interessato a che il tuo team di lavoro superi empasse comunicative che ingessano il decision making? Contattami.

Se vuoi leggere qualcosa di inerente clicca qui.

Ti interessa iniziare un percorso di crescita?  Scopri perchè dovresti.